Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Intervista alla Gherondissa Gavrilia sul digiuno

 

Vicariato Arcivescovile della Campania- Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Napoli




 

Intervista alla Gherondissa Gavrilia (Papaghianni) sul digiuno

G. Meneopoulou: Madre, cosa ci può dire sul digiuno?

Gerondissa Gavrilia: Il digiuno è una delle nostre più grandi armi contro il Maligno. Ripeterò quello che mi ha detto una volta padre Lazarus [Moore]. Nel 1962 sono andata negli Stati Uniti. Sono rimasta lì a lungo e ho viaggiato in molti stati. Le lettere di padre Lazzaro sono state di grande aiuto. Era la mia guida spirituale e gli sono molto grato per le preziose lettere che mi ha scritto, ovunque andassi. Diceva: "Vai dove vuoi, fai quello che vuoi, purché osservi il digiuno".

 

Come mai, Madre?

Perché nessuna freccia del Maligno può raggiungerti quando digiuni. Mai.

 

Intende il digiuno del mercoledì e del venerdì?

Non solo quello; tutti i giorni e i periodi prescritti di digiuno.

 

Cosa mangiava allora?

Era il digiuno delle prime due settimane di agosto [il digiuno della Dormizione] e lì tengono una buona tavola con ogni sorta di prelibatezze. Ma per me, un succo di pomodoro e un po' di frutta bollita erano più che sufficienti, in ogni giorno del digiuno. Allora stavo assistendo a molti miracoli di Dio! Quando mi hanno chiesto una confessione sulla fede ortodossa o le mie esperienze con il Signore, e in seguito ho ascoltato ciò che avevo detto nelle registrazioni, mi sono meravigliato come se le parole non fossero state mie. Sono profondamente grato a padre Lazarus, per questo suo consiglio.

 

Madre, come ha appena detto, digiunando siamo al sicuro dalle frecce del Maligno. Questo accade perché l'anima è lasciata libera per il nutrimento spirituale?

Per cominciare, il digiuno ti fa dimenticare il tuo corpo - il "Cosa mangeremo? Cosa berremo?" Quindi, quando non presti attenzione al corpo, rivolgi la tua attenzione allo spirito. E lo spirito è benedetto da Dio. Riceve e accetta la grazia di Dio. Allora puoi condurre una vita secondo Cristo, come tutti desideriamo che sia la nostra vita, come tutti desideriamo vivere la nostra vita. Il digiuno aiuta in questo. San Basilio Magno diceva che la base del progresso spirituale è la pratica della temperanza in ogni cosa. Anche i nostri antenati avevano quel famoso detto: "Una pancia grassa non può generare una mente raffinata".

 

Questa regola è per la vita monastica. E per le persone che vivono nel mondo?

No, la regola non è solo per i monaci e le monache. Prima vivevo nel mondo, con la mia attività professionale, la mia pratica di fisioterapia, ecc.

 

Yes, but what if someone is married and has a family? As far as fasting is concerned, some solution may be found. What about continence though? What is the right measure?

Temperance in food, fun and marital relations can be practiced. Provided both spouses agree that their way of living will not be totally "according to the world", but that they also will share a life according to God. I know many couples who have raised a family and lead a proper life. A young man or woman who loves God, should ask first: "Is the future wife or husband a true Christian?"

Sì, ma cosa succede se qualcuno è sposato e ha una famiglia? Per quanto riguarda il digiuno, si può trovare qualche soluzione. E la continenza, però? Qual è la misura giusta?

La temperanza nel cibo, nel divertimento e nei rapporti coniugali può essere praticata. Una condizione è che entrambi i coniugi concordino sul fatto che il loro modo di vivere non sarà totalmente "secondo il mondo", ma che condivideranno anche una vita secondo Dio. Conosco molte coppie che hanno cresciuto una famiglia e conducono una vita corretta. Un giovane uomo o donna che ama Dio, dovrebbe prima chiedere: "La futura moglie o marito è un vero cristiano?"

 

E se lui o lei non lo fosse?

In tal caso, non c'è motivo di creare una famiglia. Anche così, so di alcuni casi in cui la pia moglie, dopo lunghi anni di preghiera, ha visto suo marito andare in chiesa e ricevere la Santa Comunione - forse per la prima volta in trenta o quarant'anni. Immagina quanto tempo ...

Che grande pazienza!

Una preghiera riceve sempre risposta, quando si tratta di cambiamento e progresso spirituale.

 

 Da The Ascetic of Love, pp. 200-202.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 21-05-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlC1LauD on line 37

i santi di domani 22-05-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlC1LauD on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP