Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




26.03: Memoria dei ventisei martiri goti

 

Vicariato Arcivescovile della Campania- Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Napoli




 

Questi santi martiri vissero durante il periodo del re gotico Ungurico e dell'imperatore Graziano (375-383). Mentre tutti si trovavano in chiesa a cantare, furono arrestati dal re dei Goti e gettati vivi nel fuoco. Poi accadde che un cristiano, che stava portando la sua offerta in Chiesa, fu anche lui arrestato e gettato nel fuoco, dopo aver prima confessato Cristo, offrendo così se stesso a Cristo invece di un'altra offerta. I resti dei martiri, presbiteri e laic,i furono raccolti dalla moglie di un altro sovrano della nazione gotica, che era cristiana. In seguito, abdicato in favore del figlio, vagando da un luogo all'altro, venne nella terra dei Romani con sua figlia. Poi ritornò nel suo paese, dopo aver lasciato in eredità alla figlia le sacre reliquie. Questa, recatasi a Cizico, lasciò parte di questi resti alla città prima di morire.

Questi santi sono: i due presbiteri, Vathùssis e Wìrkas con i loro due figli e le tre figlie e il monaco Arpìlas; i laici invece erano Avìpas, Agnàs, Rìax, Igàthrax, Iskòos, Silla, Sìghigias, Swirìllas, Seìvlas, Thèrmas, Fìlgas e le donne erano Anna, Allàs, Varis, Moikò, Mamìka, Wirkò e Animàis.

Il loro martirio avvenne tra il 375 e il 383.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 20-05-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlHxicMP on line 37

i santi di domani 21-05-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlHxicMP on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP